Liquore di liquirizia

0
648

Prodotto, all’inizio, in Calabria, il liquore di liquirizia si può trovare dappertutto. Ma, volendo, è possibile farlo anche in casa.

Liquore di liquirizia: origini

La liquirizia è una pianta erbacea che cresce in modo spontaneo nei terreni argillosi del meridione d’Italia. Riconosciutale dalla antichità numerose proprietà benefiche, dalle relative radici si ricava la sostanza. Che è stata, sapientemente, trasformata in rinomate caramelline, dalle forme più variegate ed, all’occorrenza, aromatizzate in vario modo.

Liquore di liquirizia: succo calabrese

Il puro succo di liquirizia calabrese in polvere è una delle migliori per gli usi gastronomici in generale, come afferma peraltro anche l’autorevole Enciclopedia Britannica argomentando sulla materia prima – la migliore qualità di liquirizia “is made in Calabria”; essa proviene dalle medesime aziende che producono le confetterie derivate da questa fantastica ed esclusiva radice, mosse da uno dei principi essenziali del nostro sud secondo il quale, anche dalla liquirizia, “non si butta via nulla”.

Liquore di liquirizia: ingredienti

Preparare il liquore fatto in casa con la polvere di liquirizia, oltre che connotarlo con un sapore unico ed inequivocabile, ne fa un dopo-pasto digestivo esclusivo. Da gustare all’occorrenza anche freddo: un’originalità che stupirà i vostri ospiti a tavola. Ecco la relativa ricetta: Liquore alla liquirizia artigianale. Ingredienti: 200 gr di liquirizia in polvere, 1,5 litri di acqua, 1,2 kg di zucchero raffinato, 1 litro di alcool a 95°.

Liquore di liquirizia: prima fase

Scaldate l’acqua portandola quasi alla ebollizione, sciogliete prima lo zucchero e poi la polvere di liquirizia, facendola cadere a pioggia, poca per volta, con un cucchiaino da caffè e girando in continuazione con un cucchiaio o un mestolo. Finita la polvere spegnete il fuoco e fate raffreddare lo sciroppo, fino a temperatura ambiente sempre mescolando. A questo punto unite l’alcool, amalgamandolo bene con sciroppo e alcool. Finito ciò, imbottigliate. Preparate lo sciroppo in una pentola, che abbia una capienza di circa 5 litri, con materiale poco aderente, e che non faccia attaccare il contenuto nella cottura.

Liquore di liquirizia: seconda fase

Una volta imbottigliato il liquore di tanto in tanto scuotete le bottiglie, per far si che eventuali grumi di liquirizia in formazione specialmente sul fondo si sciolgano prima di solidificarsi troppo. E’ buono anche subito, ma dopo un mese o due,l’alcool e lo zucchero si saranno amalgamati a dovere. Le quantità dei componenti detti sopra possono essere variate a seconda dei gusti personali.

Views All Time
Views All Time
296
Views Today
Views Today
1

Commenta l

SHARE
Isacco Corradi
Federico è un giornalista pubblicizza esperto di web e di temi di attualità
Loading...